Come si svolge un Trekking di Digiuno Digitale

Trekking in inglese vuol dire escursione. I Trekking di Digiuno Digitale © sono quindi libere escursioni nei luoghi della natura: boschi, montagne, fiumi, laghi, cascate, mari, oceani. Si possono praticare in solitaria o in compagnia di amici. Vengono effettuate rigorosamente con il telefono cellulare spento, meglio se inserito in una custodia isolante di Faraday (come questa) perché spesso i moderni smartphone acquisiscono dati anche se spenti. Può durare una giornata o un week end, ma senza tecnologia digitale e flussi di notizie a portata di mano: un digiuno informativo totale, lontano anche dalle onde elettromagnetiche emesse dai dispositivi digitali connessi a internet.

Questo sito promuove la filosofia del digiuno digitale e non organizza direttamente i trekking. Le escursioni sono spontanee e i cittadini sono liberi di scegliere il percorso. All’inizio del sentiero è possibile scattarsi una foto per documentare l’evento, che poi è possibile inviare al nostro sito web (all’email contatti[chiocciola ]digiunodigitale.net) descrivendo brevemente il luogo scelto, il giorno dell’escursione, se effettuato da soli o in gruppo, alcuni spunti riflessivi personali e le sensazioni provate. Se all’email si allegano le foto, si aggiunge la frase “autorizzo alla pubblicazione sul sito digiunodigitale.net” (altrimenti non potremo pubblicarle). Periodicamente pubblicheremo nel BLOG gli eventi segnalati dai lettori, per favore la diffusione della filosofia che anima il Digiuno Digitale ©.

Dopo aver scattato alcunefoto dei partecipanti all’inizio del sentiero, si illustrava brevemente che l’iniziativa è ispirata alla pratica fisica e spirituale del Digiuno Digitale © ideata dallo scrittore Enzo Di Frenna e divulgata dal suo sito web. Successivamente i telefoni cellulari verranno spenti o isolati in una custodia di Faraday, quindi si inizia l’escursione fino alla destinazione prefissata. Si consiglia di scegliere luoghi con molti alberi, sentieri tra i boschi, passeggiate a contatto con la la natura (lontano dalle città) dove l’energia pranica emessa dagli alberi e dalle piante è più forte: ciò aiuterà la rigenerazione delle energie sottili all’interno dell’Aura Vitale, poiché i chakra (centro vitali secondo la tradizione induista) si nutrono di prana emesso dagli alberi, piante, terreno e sole.

Durante l’escursione o giunti a destinazione si consiglia di praticare brevi momenti di meditazione, esercizi di respirazione, alcune posizioni yoga (come il saluto al sole) o esercizi di Tai Chi Chuan. L’obiettivo e riattivare l’energia vitale dei meridiani energetici che scorrono nel corpo, i chakra che si nutrono di prana, riempire l’organismo di ossigeno fresco e salubre, ri-connettersi con la Madre Natura, cioè il pianeta Terra che ci ospita amorevolmente e ci nutre da millenni.

Nella foto sopra il giornalista e scrittore Enzo Di Frenna, ispiratore della pratica fisica e spirituale del Digiuno Digitale © e autore del libro “Digiuno Digitale: come sopravvivere con poca tecnologia e rigenerare le forze con le energie sottili” (disponibile QUI).

Share the Post:

Related Posts

Chi sono i DD Trekkers?

D (digiunatori) D (digitali) Trekkers (escursionisti), ossia DD Trekkers. Con questo termine si intendono gli appassionati di digiuno digitale che,

Read More